Una grande parte della PMI italiana e sopratutto le microimprese, iniziano la loro attività utilizzando un singolo computer portable o un classico PC da scrivania. Data la rostra esperienza in questo settore possiamo affermare di aver gestito recuperi dati da computers che non venivano backuppati anche da due anni. Il concetto di backup era completamente sconosciuto oppure fortemente sottovalutato e preso in considerazione solo dopo avere avuto il primo vero disastro informatico, con eventuali e potenziali conseguenze catastrofiche per l’attività.

Come si può sapere quando il disco fisso del nostro computer sta per lasciarci?
La maggior parte dei tecnici dice che questo evento non sia diagnosticabile e non sia prevedibile. Un disco si può rompere dopo poche ore dall’acquisto oppure può operare per anni senza il minimo problema.
Una cosa occorre dire: secondo la legge di Murphy la sera prima della presentazione del progetto importante, della presentazione di documenti fiscali, di una vendita fondamentale il Vostro Hard Disk si guasterà, mettendo a repentaglio la consegna di un progetto o di quel documento importante albergato sul disco stesso.

Se volete evitare una situazione del genere dovete fare dei backups frequenti, non ci sono altre soluzioni.

La perdita anche di un solo giorno di lavoro si traduce spesso nella perdita di quella mail importante piuttosto che il contatto appena entrato nella rubrica, oltre che la finalizzazione di un progetto costato ore e ore di lavoro, per poi aggiungere altre spese, come quella di dover affrontare la ricostruzione dei dati con la riscrittura ex novo di un lavoro oppure affidarsi a un’azienda di data recovery come la nostra.

Come specialisti del settore e forti della nostra esperienza statistica non possiamo che consigliarvi un frequente backup dei vostri dati, aggiungendo che è buona norma anche provare il backup, almeno di tanto in tanto, proprio per avere una certa tranquillità.

Oggi sono in commercio soluzioni relativamente economiche che consentono la realizzazione in automatico di questo processo fondamentale .

Senza equipaggiarsi di periferiche particolari, può essere un buon inizio dotarsi di un software free e di un Hard Disk USB. Ce ne sono di molto buoni già a partire da 100.- euro. Occorre solo fare un po di attenzione la prima volta che si utilizza questo strumento e configurare correttamente il backup, peraltro cosa sempre più semplice e alla portata di tutti.
Il primo backup durerà a lungo mentre i successivi saranno molto più rapidi in quanto si limiteranno a aggiungere o togliere quanto aggiunto o modificato/cancellato. Molti di questi softwares consentono anche una configurazione multiuser cosicché non sia necessario acquistare svariati dischi USB bensì sarà possibile utilizzare lo stesso disco per computers diversi.

Non è una soluzione ottimale e sofisticata ma senz’altro è meglio di niente e spesso funziona benissimo.

Nel caso non si abbia il minimo di competenza di questa materia oppure ci si avvalga della collaborazione di un’azienda di assistenza pretendete dal Vostro manutentore un controllo dei backups eseguito periodicamente.

Non è importate che abbiate un PC o un Mac, il consiglio di una specialista del settore rimane sempre quello: eseguite con regolarità un backup e controllatelo. Una perdita di dati può costare migliaia di euro e potenziali danni incalcolabili.

Quanto valgono per Voi i Vostri dati?

recuperodati.it