Se intendi utilizzare uno dei tanti strumenti "Fai da Te" per il recupero dei dati, ti suggeriamo di leggere attentamente questa sezione prima di procedere. I problemi in cui puoi incappare utilizzando gli strumenti di recupero fai da te o di recupero automatico non risiedono nei programmi in se, quanto piuttosto nella mancanza d'esperienza e di conoscenza necessaria per sapere quando utilizzare uno strumento e quando non utilizzarlo. Se il tuo file o disco si rendono inaccessibili la prima cosa da fare è determinare quale sia la causa che ha prodotto l'errore e come procedere per recuperare i dati. Non è per nulla facile riuscire a capire fino in fondo come operano gli strumenti per il recupero dei dati e quali siano le loro limitazioni. Come fare inoltre per determinare se il disco è effettivamente danneggiato oppure no? Può capitare che il File System del disco sia per qualche ragione danneggiato ma che il disco in se non lo sia. Ecco perché la maggior parte dei più moderni strumenti per il recupero dei dati non scrivono dati sui dischi che sembrerebbero danneggiati. Nel caso in cui il disco fisso non sia effettivamente danneggiato a livello fisico è preferibile utilizzare un'utility per il recupero automatico dei dati, sebbene questa potrebbe non offrire un recupero ottimale. Sarà comunque possibile utilizzare successivamente un'utility professionale nel caso in cui l'esperimento non abbia dato esiti positivi. Nulla assicura comunque che il disco fisso non sia effettivamente danneggiato. Un crash è una delle maggiori cause che potrebbero danneggiare il disco o i file in esso contenuti e renderli inaccessibili. Titanium Hard Disk Drive

Definizione di crash

il danneggiamento del disco fisso provocato da un contatto tra le testine e i piatti del disco. Queste potrebbero graffiare la superficie magnetica del piatto. Una situazione di questo tipo potrebbe danneggiare soltanto alcuni settori del disco o, nella peggiore delle ipotesi, l'intera o più superfici dei piatti. I dati contenuti in tali settori non potranno in nessun modo essere recuperati, neanche con utility professionali. Altri tipi di avarie sono di tipo meccanico o elettronico. Errori di questo tipo risiedono nel motorino del drive, nel braccio delle testine e altre parti meccaniche in movimento (interne o esterne). Guasti a livello hardware sono spesso provocati da utenti poco cauti che maneggiano il disco senza prendere le dovute precauzioni. Il crash di dischi fissi rappresenta il 36% delle cause di perdita dati da dispositivi hard disk. Se il vostro disco è effettivamente danneggiato è possibile che peggioriate la situazione semplicemente leggendo i dati dal disco. Ecco un semplice esempio che spiega questo scenario. Se il vostro disco cadesse accidentalmente, le testine del disco potrebbero andare in contatto con la superficie del disco. Nel caso il contatto fosse solo temporaneo, la cosa peggiore che potrebbe capitare è la cancellazione dei dati del disco; il disco sarebbe ancora utilizzabile. Normalmente si continuerebbe ad utilizzare il disco, fino al momento in cui qualche problema occorso vi renderebbe consapevoli del fatto che il disco non funziona in realtà correttamente. L'errore rilevato potrebbe segnalare l'impossibilità di leggere un file. Questo potrebbe capitare anche molti mesi dopo il crash del disco. Quello che in realtà succederebbe all'interno del disco è che i frammenti prodotti dal primo crash provocherebbero degli altri crash di minor importanza. Ogni crash produrrebbe altri frammenti all'interno del disco e il problema in potenza si tramuterebbe poco per volta in un mal funzionamento irrimediabile; i crash diventerebbero sempre più frequenti e sempre più dannosi. Al momento in cui ci si rendesse conto che il disco ha seri problemi, potrebbe essere troppo tardi. Questo è il momento in cui un qualunque utente si rimboccherebbe le maniche alla ricerca di un'utility di recupero dati. Ci sono allora due alternative possibili: Prima possibilità È possibile optare per una soluzione fai da te o per un'utility di recupero automatico. Ogni qual volta l'utility tentasse di leggere i dati dal disco per effettuare il recupero verrebbero provocati ulteriori crash. In pochi istanti l'intero disco potrebbe rendersi completamente inaccessibile. Sarebbe quindi impossibile per qualunque utility di recupero dati portare a termine il proprio compito e il disco diventerebbe inutilizzabile. Eseguendo l'utility, infatti, la superficie del disco continuerebbe a logorarsi in modo permanente. È molto rischioso quindi tentare di eseguire un'utility di recupero dati su un disco danneggiato senza conoscere perfettamente il tipo di problema che si è verificato. Potreste dunque peggiorare le cose e perdere per sempre i dati contenuti nel disco. Soltanto accendendo il computer e tentando quindi un accesso al disco, il danno superficiale potrebbe tramutarsi in uno permanente. Seconda possibilità Nel caso in cui doveste scegliere programmi e metodi di recupero dei dati professionali, tutti i vostri dati (tranne quelli che sono stati danneggiati dai crashes occorsi fino a questo momento), potrebbero essere recuperati. Il modo in cui operiamo è il seguente: provvediamo innanzi tutto alla pulizia della parte interna del disco, per evitare ulteriori crashes. Procediamo quindi con il recupero dei dati eseguendone una copia completamente sotto il nostro controllo. Se riteniamo che questo non sia la strada migliore da seguire, provvediamo alla rimozione del piatto danneggiato e alla sua lettura fuori del supporto pieno di detriti. Tuttavia rimane non nulla la possibilità che i dati non possano essere recuperati, ma in questo modo le chances di recupero aumentano in modo considerevole. Noi consigliamo di utilizzare le utility di recupero automatico solo nei casi in cui i dati contenuti nel disco non siano d'estrema importanza, pur restando consapevoli del fatto che il rischio a cui andiamo incontro è alto.